Un’area grande come metà della città di Milano: tanto si è costruito in Lombardia nel decennio 1999-2009.

Ad evidenziarlo è il rapporto 2012 del Centro di Ricerca sui Consumi di Suolo, istituto fondato da Legambiente e Inu. Lo studio si concentra in particolar modo sulle province di Milano, Lodi e Monza-Brianza.

Si sta parlando tanto di consumo di suolo, dell’urbanizzazione feroce che avanza, specie in Lombardia, sottraendo aree verdi e terreni a vocazione agricola per destinarli a palazzi, abitazioni, centri commerciali. Il tutto anche a fronte di un documentato calo demografico. Eppure parlarne tanto, specie in questo tempo dove ci si abitua rapidamente a tutto, rischia di far perdere il contatto con la realtà delle cose intorno a noi e di svuotare la notizia.

Questo studio ha, invece, il compito di riportarci davanti la cruda realtà dei fatti. Si tratta di un lavoro d’indagine durato un intero decennio, un arco temporale significativo per comprendere la pericolosa direzione che stiamo prendendo. Quando la crescita urbanistica non è accompagnata dalla crescita demografica, risulta del tutto ingiustificata. Questo il senso ultimo dell’indagine, di cui potete trovare notizie più dettagliate al link di seguito:

http://www.progettogaia.it/stampa/index.asp?id=3306

 

foto di Pamela Pertusini