noti2864

La Città metropolitana di Bologna è chiamata a dare il proprio parere sul PSC di Imola per la sua approvazione, PSC che prevede, tra le altre cose, un’area di espansione urbanistica a sud della via Emilia (in Via Roncaglie, verso il santuario del Piratello) zona tutelata dal vigente piano urbanistico provinciale (cfr. PTCP Norme e Tav.1), dall’articolo 7.1 – Sistema di crinale e sistema collinare. Le indicazioni del piano provinciale sono chiare, è necessario tutelare quel poco che è rimasto della fascia agricola pedecollinare. Come si legge nei seguenti passi di un articolo apparso proprio ieri su Il Resto del Carlino.

“Per la Città metropolitana fa fede il Piano territoriale di coordinamento provinciale (Ptcp) che «riconosce a tutta la fascia pedecollinare a partire dalla via Emilia, dove ricade l’area in oggetto, una particolare valenza». Pertanto «l’ambito Roncaglie non risponde alle direttive e agli indirizzi del Ptcp riferiti al territorio collinare imolese», scrivono dal Settore pianificazione di Palazzo Malvezzi. Non solo, dagli uffici metropolitani sottolineano che i Comuni sono tenuti a stabilire una disciplina urbanistica che salvaguardi le valenze paesaggistiche di queste zone: «Vanno perciò evitati sia utilizzi comportanti edificazione – si legge nella relazione –, sia altre opere presso la strada che possano comunque disturbare il rapporto visivo fra chi percorre l’arteria e il paesaggio agricolo o collinare». Perciò quelle aree «vanno preferibilmente conservate all’uso agricolo» e quindi «si chiede di eliminare l’ambito di nuovo insediamento».

Speriamo che questa volta non succeda quel che successe qualche anno fa a San Lazzaro dove, stando alle interviste degli ex tecnici regionali e provinciali, nonostante il parere contrario degli uffici competenti la giunta provinciale di allora autorizzò il piano che dava il via a quella che è poi diventata famosa come “La Colata di Idice”. Lo speriamo, è vero che il vice sindaco metropolitano è il sindaco di Imola Daniele Manca, insomma controllore e controllato, ma è pur vero che l’assessore metropolitano all’urbanistica è la Sindaca di San Lazzaro, Isabella Conti, nota proprio per la sua battaglia contro “La colata di Idice”. Vogliamo credere che questa volta i politici riescano a cambiare verso.

Alessandro Marchetti
(Referente del Coordinamento del comprensorio imolese del Forum Salviamo il paesaggio)

Condividi: