(Costa Paradiso, foto di Gianni Careddu, da Wikimedia Commons)

La Giunta di Cappellacci vuole stravolgere il piano paesaggistico che tutela le Coste della Sardegna

Clicca qui per inviare l’appello contro lo stravolgimento del piano paesaggistico regionale >

L’obiettivo fondamentale della maggioranza politica che sostiene la Giunta regionale presieduta da Ugo Cappellacci è stato fin dall’origine la modifica radicale di quell’odiato  (P.P.R.) Piano Paesaggistico Regionale, che, pur con alcune carenze significative (es. applicazione dei vecchi strumenti urbanistici comunali in regime transitorio), consente la salvaguardia degli ambiti costieri della Sardegna.

Ci stanno provando in tutti i modi, anche con provvedimenti per favorire le speculazioni immobiliari connesse con il golf e con un piano per l’edilizia fatto soprattutto per i grandi costruttori, ma le relative leggi regionali sono a giudizio davanti alla Corte costituzionale. Le linee guida per la modifica del P.P.R. sono già pronte e approvate.

Ora è arrivato il grande annuncio: la Qatar Holding, braccio economico della famiglia reale del Qatar, ha stretto accordi con il Presidente della Regione Cappellacci e con i sindaci di Arzachena Ragnedda e di Olbia Giovannelli per una serie di interventi immobiliari con centinaia e centinaia di migliaia di metri cubi di nuove volumetrie sulle coste, per ora in Gallura e in futuro in altri luoghi dell’Isola.

Un miliardo di euro di investimenti complessivi, sbandierati come la manna dal cielo e la fine della disoccupazione e della crisi economica. Una favola, l’ennesima. Basti pensare che il tanto decantato “modello Costa Smeralda” non ha portato minimamente la pretesa crescita economico-sociale duratura, vista l’attuale perdurante crisi economica anche sui litorali smeraldini.

E’ un modello che si nutre di sempre maggiore consumo di territorio e di identità.

Alla Sardegna e ai sardi non sarà regalato nulla, mentre si cercano di nascondere gli scarsi risultati di una scadente capacità politico amministrativa: altro che miracolosi investimenti stranieri per un miliardo di euro in vari anni, quando la Sardegna beneficia più o meno dello stesso importo ogni anno – e da parecchi anni – grazie ai fondi comunitari e, in piena autonomia di programmazione e di spendita, non è riuscita a innescare un’equilibrata e diffusa crescita economico-sociale.

E’ giunto il momento di ribellarsi a scelte mai decise dai cittadini e di far sentire la propria voce.

Le associazioni ecologiste Amici della Terra, Lega per l’Abolizione della Caccia e Gruppo d’Intervento Giuridico onlus propongono l’invio al Ministro per i beni e attività culturali, al Presidente della Regione autonoma della Sardegna e al Presidente del Consiglio regionale sardo di una richiesta esplicita di salvaguardia delle coste e dell’intero territorio della Sardegna attraverso il mantenimento del piano paesaggistico regionale.

Le associazioni ecologiste Amici della Terra, Lega per l’Abolizione della Caccia e Gruppo d’Intervento Giuridico onlus propongono in proposito il seguente messaggio

Clicca qui per inviare l’appello contro lo stravolgimento del piano paesaggistico regionale >

Appello contro lo stravolgimento del piano paesaggistico regionale

Al Ministro per i Beni e Attività Culturali,
Al Presidente della Regione autonoma della Sardegna,
Al Presidente del Consiglio regionale della Sardegna
e, per conoscenza, al Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

ho appreso con grande preoccupazione degli accordi presi fra il Presidente della Regione autonoma della Sardegna, i sindaci di Arzachena e di Olbia e il fondo d’investimento Qatar Holding (proprietà della famiglia reale del Qatar) per la realizzazione di numerose iniziative immobiliari sulle coste delle Sardegna, in particolare in Gallura, per un importo di un miliardo di euro in più anni.
Ricordo che un importo analogo è già a disposizione della Sardegna ogni anno e da parecchi anni grazie ai fondi comunitari, per uno sviluppo diffuso e armonico con i valori ambientali dell’Isola.
Investimenti come questo devono essere valutati alla luce delle vigenti norme di salvaguardia ambientale, in primo luogo il piano paesaggistico regionale.
Esprimo la più forte contrarietà alla modifica e allo snaturamento del piano paesaggistico regionale per accogliere questa e altre proposte edificatorie.

nome e cognome_______________________________

E’ ora di rimboccarsi le maniche per difendere l’ambiente e il territorio della Sardegna, domani può essere troppo tardi: diffondiamo l’appello ad amici, parenti, conoscenti, mailing list, su siti web e blog, scriviamo e facciamo scrivere.  Facciamoci sentire, ora.

 p. Amici della Terra, Lega per l’Abolizione della Caccia e Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Di seguito alcuni link utili per capirne di più:

Squallidi messaggi istituzionali e pessime intenzioni sul piano paesaggistico regionale.
Piano paesaggistico regionale

La Corte costituzionale deciderà riguardo la legge regionale sarda sul golf

La Corte costituzionale deciderà sulla legge regionale sarda di integrazione del c.d. piano per l’edilizia.

Approvate le Linee Guida del Piano Paesaggistico Regionale

Linee guida di modifica del piano paesaggistico regionale, il cemento non passerà!

Sardistàn, periferia di Doha.

Fondi comunitari
in Sardegna.

http://gruppodinterventogiuridicoweb.wordpress.com