Come ogni anno, dal 2012, ritroviamo l’appuntamento con il Calendario Ambientale che nel 2021 è “Le Dune Costiere in Sicilia” e sempre in formato elettronico, sia in pdf che jpg.

Le coste marine, le spiagge, i litorali sono sempre stati importanti nella vita degli uomini. Lungo le coste, nei pressi delle foci dei corsi d’acqua, lungo le rive dei fiumi, furono infatti costruiti i primi insediamenti umani. In Sicilia, alcuni piccoli villaggi ospitarono i primi abitanti che dal rapporto con l’acqua e con il mare trassero la possibilità del loro sostentamento, dei loro viaggi, dei loro commerci. Nel corso dei secoli, con la crescita degli insediamenti lungo le coste e la fondazione di grandi città marinare, il peso della presenza umana sugli habitat degli ambienti costieri naturali è cresciuto costantemente. Le bonifiche, la costruzione di strade, di dighe e canali, la cementificazione dei corsi d’acqua, la costruzione di imponenti opere pubbliche, gli insediamenti industriali e turistici, l’abusivismo edilizio, l’erosione delle coste, hanno prodotto, specie nell’ultimo secolo, una profonda alterazione del territorio costiero siciliano e dei suoi delicati ecosistemi.

Tra gli ambienti degli oltre mille chilometri di costa siciliana, quello delle dune costiere esercita un fascino paesaggistico di grande rilievo, ma è soprattutto custode di importantissimi equilibri naturali. La sabbia, trasportata dal vento dal litorale verso l’interno, si deposita formando geometrie armoniche. La vegetazione tipica delle dune costiere, ne permette il rapido consolidamento e la conservazione. Tra la sabbia e la vegetazione è un brulicare di vita. Flora e fauna vivono negli ambienti costieri caratterizzati dalle dune sabbiose, in un delicatissimo e importantissimo equilibrio.

Il Calendario Ambientale 2021 è consultabile qui.