20140124-centrale-krsko

Firma la petizione online >

_______________________________________________

Nonostante la lezione di quanto accaduto nel 1986 a Cernobyl. Nonostante i più recenti fatti di Fukushima. Nonostante due referendum in cui i cittadini italiani, a più di vent’anni di distanza, hanno ribadito di non volere centrali nucleari sul proprio territorio.

Nonostante tutto questo, la minaccia nucleare incombe sul nostro paese. Ed in particolare sul Friuli. Si tratta della centrale nucleare di Krsko, in Slovenia, a circa 130 chilometri dal confine col Friuli Venezia Giulia.

Da anni la centrale di Krsko è guardata con preoccupazione dagli stati confinanti. Malfunzionamento di un reattore, perdite d’acqua ed altri guasti meccanici si sono susseguiti negli ultimi anni, alimentando l’impressione di vivere con una minaccia concreta a pochi chilometri da casa.

Eppure, nonostante ufficialmente la Slovenia abbia cercato di rassicurare gli stati confinanti circa l’intenzione di smantellarla a partire dal 2023, la centrale di Krsko sembra destinata ad un potenziamento. 

Pare, infatti, che la Commissione Europea abbia inserito nel proprio piano di sviluppo per l’energia l’ampliamento dell’elettrodotto Okroglo-Udine, alimentato proprio dalla centrale di Krsko. Un’opera che comporterebbe, tra le altre cose, un forte impatto ambientale nei parchi e nelle valli del Friuli.

Il Comitato per la vita del Friuli rurale, in particolare attraverso il suo promotore Aldevis Ribaldi, si sta battendo perché venga scongiurato questo progetto. Oltre ai motivi di cui abbiamo parlato, il potenziamento della centrale di Krsko è in palese contraddizione col processo di deindustrializzazione in corso. Quello che il comitato auspica è dunque un cambio di rotta, verso modelli energetici più moderni e sostenibili.

E’ già partita, a questo proposito, una raccolta-firme da presentare al Parlamento Europeo affinché il problema venga affrontato e discusso, anche alla luce delle problematiche evidenziate.

Roberto Caravaggi

_________________________________________

Firma la petizione online >

_________________________________________

Approfondimenti

Volantino informativo a cura del comitato >