Ovvero: come progettare nella comunità. E’ un libro di Adriano Paolella, pubblicato da Pellegrini nella collana Natura e comunità.

Gli architetti operano troppo frequentemente senza relazionarsi con gli abitanti e riconducendone esigenze, desideri e creatività all’interno di logiche che uniformano le risposte.

Riportare l’operato del progettista all’interno delle comunità, riconoscere il positivo contributo che gli abitanti possono dare alla costruzione degli spazi, accettandone l’informalità dell’azione e del linguaggio, così come da alcuni architetti praticato, faciliterebbe il miglioramento delle condizioni di vita, la riduzione del “peso” ambientale e il riequilibrio tra insediamenti, luoghi e risorse.

I principali temi trattati sono i rapporti tra progettisti e comunità, i rischi della formalizzazione e dell’uniformazione, le modalità atte a garantire modelli insediativi migliori degli attuali attraverso il sostegno all’azione diretta degli abitanti e come tali modalità possano ridurre gli effetti negativi nell’ambiente, consolidare le relazioni sociali, favorire il benessere diffuso.

Editore: Pellegrini
Collana: Natura e comunità
Anno edizione: 2017
Pagine: 167 p., Brossura

Adriano Paolella (Napoli 1955) architetto, ambientalista, docente di tecnologia al “dArTe” Università “Mediterranea” di Reggio Calabria, consulente scientifico di Italia Nostra, responsabile ambiente di Cittadinanzattiva.

Dal 1979 ha ideato, coordinato e diretto piani, studi, attività di sperimentazione applicata, ricerche e progetti, a sostanziale valenza ambientale, volti principalmente alla riduzione degli effetti negativi apportati dalle attività umane e alla ricerca di un equilibrio tra comunità e risorse. Si è interessato, ponendo sempre attenzione ad operare insieme con le comunità locali, di aree protette, informazione e sensibilizzazione ambientale, edilizia e insediamenti ecologici, turismo sostenibile, gestione del patrimonio ambientale e storico culturale.

Tra le sue pubblicazione sul tema del rapporto tra abitanti, progetto e insediamenti: Progettare per abitare (2004), Attraverso la tecnica (2008), Disponibile! Il diritto dei cittadini a riusare spazi abbandonati (2015 e 2016).