FORUM ITALIANO DEI MOVIMENTI
PER LA TERRA E IL PAESAGGIO

Consumo di suolo: l'Italia ha bisogno di uno stop! Positivo l’impegno dell’On. Mario Catania in tal senso

Consumo di suolo: l’Italia ha bisogno di uno stop! Positivo l’impegno dell’On. Mario Catania in tal senso

21 novembre 2014 Comunicato Stampa del Forum Nazionale Salviamo il Paesaggio Dopo la conversione in legge dello Sblocca-Italia, e le tragedie causate dall’uomo e dal cemento nelle ultime settimane, appare...
In Lombardia approvata la legge "ammazzasuolo", inaccettabile nonostante alcune misure di limitazione del danno

In Lombardia approvata la legge “ammazzasuolo”, inaccettabile nonostante alcune misure di limitazione del danno

18 Novembre 2014 Presidio in regione contro la legge ammazza suolo Leggi il resoconto del Coordinamento dei Comitati lombardi Salviamo il Paesaggio (formato pdf) > _____________________________________ Pubblichiamo anche il comunicato...
Se Renzi rottama l'Italia

Se Renzi rottama l’Italia

(da Altreconomia, 6 novembre 2014) Tutti i pericoli contenuti negli articoli del decreto “Sblocca-Italia”, che dopo il voto al Senato del 5 novembre è stato convertito in legge.  Un’analisi puntuale del provvedimento...
Ultime notizie
"STOP AL CONSUMO DI SUOLO”: 15-16 novembre convegno con i ministri dell'ambiente e dell'agricoltura

“STOP AL CONSUMO DI SUOLO”: 15-16 novembre convegno con i ministri dell’ambiente e dell’agricoltura

Piogge, maltempo, frane: si continua a sbagliare priorità. Serve un progetto che parta dalla programmazione del territorio e dall’urbanistica. Solo così si potrà davvero affrontare il dramma del dissesto che in regioni come la Liguria colpisce il 98% dei comuni. Se ne parlerà al convegno “Stop al consumo del suolo”, il 15-16 novembre, organizzato presso...
La gestione dei siti contaminati in Europa

La gestione dei siti contaminati in Europa

Rapporto sui progressi nella gestione dei siti contaminati in Europa (rapporto in inglese) Quando si parla di contaminazione del suolo si ha l’impressione di parlare di qualcosa di astratto e di lontano, che non ci tocca a meno che non si sia direttamente e personalmente coinvolti. È il caso di quei cittadini che non possono...
Audizione di Salviamo il Paesaggio in Regione Lombardia sulla proposta di legge sul consumo di suolo

Audizione di Salviamo il Paesaggio in Regione Lombardia sulla proposta di legge sul consumo di suolo

Resoconto dell’audizione in Regione Lombardia del 30 ottobre 2014 del Coordinamento dei comitati locali lombardi del Forum Salviamo il Paesaggio sulla PDL “Disposizioni per la riduzione del consumo di suolo e per la riqualificazione del suolo degradato”. Mala tempora currunt per la riduzione del consumo di suolo in Lombardia, sed peiora parantur se verrà approvata...
Un Coordinamento per la tutela del Verde a Torino

Un Coordinamento per la tutela del Verde a Torino

Il 28 ottobre 2014 è stato presentato, nel corso di una conferenza stampa, il coordinamento dei comitati e delle associazioni ambientaliste per la tutela e la progettazione del verde a torino, promosso da alcune associazioni come Pro Natura Torino, Italia Nostra sez. di Torino, Circolo Ecopolis di Legambiente e Salviamo il Paesaggio Torino, unitamente a...

Lettera aperta sul piano paesaggistico della Toscana

Pubblichiamo la lettera di Daniela Poli al  direttore del dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze Firenze, 13 ottobre 2014 Caro direttore, ti scrivo perché avendo coordinato un gruppo di ricercatori del Centro Interuniversitario di Scienze del Territorio per il piano paesaggistico della Regione Toscana sono rimasta stupita e amareggiata dall’articolo a tuo nome che è...
Basilicata: evidente incompatibilità tra agricoltura biologica e progetto di centrale termoelettrica

Basilicata: evidente incompatibilità tra agricoltura biologica e progetto di centrale termoelettrica

Perché non calpestare barbaramente l’agricoltura in spregio agli indirizzi per la valorizzazione dei terreni agricoli (articolo dell’ Ing. Donato Cancellara, socio dell’Associazione Intercomunale Lucania & A.Mi.C.A., tratto da “il Quotidiano del SUD” dello scorso 4 agosto) Un team internazionale, tra cui scienziati della Università di Monaco Technische Universität München (TUM), ha studiato il contributo dell’agricoltura...
AAA Vendesi terre pubbliche

AAA Vendesi terre pubbliche

La vendita dei beni pubblici e il decreto “Terrevive”: nessun impegno per l’agricoltura e un piatto ghiotto per chi vuole fare speculazione. Pubblichiamo il contributo sull’argomento del Coordinamento romano terre pubbliche. (tratto dal sito comune-info.net) Ricorrere alla vendita di beni pubblici con il pretesto di “fare cassa” è come dichiarare di non essere in grado di...
A Matera si costruisce sul verde pubblico, ma il TAR e il Consiglio di Stato danno ragione ai comitati

A Matera si costruisce sul verde pubblico, ma il TAR e il Consiglio di Stato danno ragione ai comitati

Il Consiglio di Stato ha confermato lo scorso luglio la decisione del TAR: il permesso di costruire dell’area del “Mulino Alvino” che cambiava destinazione urbanistica da verde pubblico a residenziale è illegittimo. Le associazioni ora chiedono che la Capitale europea della cultura 2019 punti ad un modello urbano e territoriale sostenibile. Pubblichiamo l’articolo del 26...
Il nuovo elettrodotto Terna potrebbe devastare aree protette e terreni agricoli tra Svizzera e Italia

Il nuovo elettrodotto Terna potrebbe devastare aree protette e terreni agricoli tra Svizzera e Italia

È iniziata la mobilitazione contro il progetto “interconnector Italia-Svizzera” di Terna Rete Italia Spa: un elettrodotto che dovrebbe interessare i territori dalla Val Formazza fino a Settimo Milanese, attraversando il Parco del Ticino e il Parco Agricolo Sud milano, rovinando irrimediabilmente zone incontaminate. Il progetto prevede ulteriore utilizzo di suolo pregiato ed esproprio di fertili terreni agricoli....
Sblocca-Italia e politiche energetiche: un futuro pieno di contraddizioni?

Sblocca-Italia e politiche energetiche: un futuro pieno di contraddizioni?

Di energia non è bene parlare in termini superficiali. L’Italia è tuttora uno dei paesi più industrializzati del mondo, e i consumi energetici formano una cospicua tranche dell’economia nazionale. L’Italia, inoltre, è costretta a importare gran parte dell’energia che consuma. Di energia non si deve poi parlare superficialmente perché i modi di fabbricarla hanno un...